Videoconferenza nelle aziende: i giovani dipendenti trainano la crescita

Per decenni la videoconferenza è stata un “nice-to-have” per la maggior parte delle aziende ma non una vera necessità. Oggi tutto sta cambiando, per i progressi della tecnologia e per la crescente domanda di comunicazione video delle nuove generazioni nel mondo del lavoro. I “Millenials” (cioè i nati dopo il 1980) sono infatti la prima generazione globalmente interconnessa. Anche se scende il costo della banda, i produttori di hardware e software continuano a migliorare la qualità video. Si utilizzano metodi di compressione più efficienti e che richiedono meno larghezza di banda. Questo riduce sia i costi dei dispositivi sia quelli dei servizi, portando ad un maggiore utilizzo della videoconferenza aziendale. Le riunioni virtuali possono svolgersi non solo nelle sale riunioni ma anche dalle scrivanie, usando il pc, oppure fuori ufficio con un tablet o uno smartphone.

Grazie ai continui miglioramenti della tecnologia, si possono individuare tre fattori che influenzeranno più di altri il futuro della videoconferenza aziendale.

1. I dipendenti più giovani si aspettano videoconferenze di alta qualità

Cisco ha recentemente commissionato un’indagine a Redshift Research da cui risulta un trend di crescita nell’uso dei servizi di videoconferenza aziendale tra i dipendenti più giovani: l’87% preferirebbe lavorare in un’azienda che utilizza largamente la videoconferenza e l’84% ritiene che la videoconferenza sia il tipo di riunione virtuale più efficace. Oltre a considerare la videoconferenza aziendale come uno strumento di collaborazione usuale, il 75% dichiara di non accontentarsi di un servizio di bassa qualità.

2. Videoconferenza aziendale per la selezione del personale

Dal 2011 Skype registra in media 8 miliardi di ore di videochiamate all’anno. Questo trend crescente contribuirà ad aumentare i meeting in videoconferenza rispetto agli incontri faccia a faccia che costringono a spostarsi fiscamente. Si sta largamente diffondendo l’uso della videoconferenza anche per la selezione del personale. Le aziende globali selezionano i candidati in tutto il mondo ma viaggiare per un colloquio di lavoro non è certo economico e soprattutto non sempre possibile. Un recente studio condotto da PGI ha mostrato che il 66% dei candidati preferisce un’intervista in videoconferenza piuttosto che spendere denaro e tempo in viaggi per incontrare i potenziali datori di lavoro. I colloqui in videoconferenza sono molto comodi anche per gli intervistatori che lavorano in sedi diverse della stessa azienda.

3. La realtà virtuale nella videoconferenza aziendale 

La videoconferenza offre alle persone una modalità di comunicazione su più livelli rispetto ad una conference call telefonica. Grazie alla possibilità di vedere le espressioni facciali e il linguaggio del corpo, i partecipanti possono percepire i segnali non verbali, che rappresentano il 90% per cento della comunicazione. Grazie alle applicazioni di realtà virtuale, la videoconferenza può spingersi oltre. Indossando occhiali olografici, i partecipanti possono provare l’esperienza virtuale di trovarsi nella stessa stanza, indipendentemente dalla loro collocazione fisica. Possono girare la testa e rivolgersi alle persone che sono virtualmente sedute al loro fianco. Possono interagire e condividere gli strumenti di lavoro come farebbero nella realtà fisica.

Queste sono solo tre delle nuove tendenze che daranno ulteriore impulso alla videoconferenza aziendale.


CONOSCI I NOSTRI SERVIZI DI VIDEOCONFERENZA PROFESSIONALE IN CLOUD?
Prova subito gratis e senza alcun impegno d’acquisto: compila il modulo di richiesta prova gratuita e sarai ricontattato al più presto.
2016-10-12T17:50:34+00:00